Please type your full name.
Valore non valido
Valore non valido
Invalid email address.
Valore non valido
Valore non valido
Valore non valido

Premendo il tasto Richiedi Informazioni, dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla privacy ai sensi del D. Lgs 30/06/2003 n. 196 e autorizzo il CATA al trattamento dei miei dati personali sopra riportati per la vostra attività.

0437851360

CATA news: ambiente salute e sicurezza sul lavoro

CATA icona Sicurezza

Sicurezza

salute e sicurezza sul lavoro

CATA icona Modelli

Modello MOG

modello di organizzazione e gestione

CATA icona Ambiente

Ambiente

gestione rifiuti aziendali

CATA icona Formazione

Formazione

corsi sicurezza sul lavoro

CATA icona Secur8

Secur8

gestionale per la sicurezza aziendale

Appalti pubblici

Appalti

Appalti pubblici: qualificazione SOA per lavori pubblici

InfonewsCATA

Info e news ambiente salute e sicurezza sul lavoro del CATA, per essere sempre informati

Le news ambiente salute e sicurezza sul lavoro sono pubblicate periodicamente all'interno della pagina InfonewsCATA. Il CATA, con l'intento di informare tutti i visitatori del portale relativamente alle novità in materia di ambientale di salute e della sicurezza sul mondo lavoro, ha creato questa pagina con l’intento e l’impegno di informare tempestivamente tutti i visitatori interessati ad avere un luogo dove poter reperire una selezione delle ultime e più rilevanti notizie. Visitare periodicamente la pagina garantisce ai visitatori di leggere: novità circa le normative vigenti in materia di gestione della sicurezza in azienda, gestione ambientale e della salute. Coloro che invece hanno scelto di utilizzare il gestionale Secur8 avranno la possibilità di essere informati su tutte le novità, direttamente all'interno del gestionale informatico attraverso l'area sempre ricca di notizie e approfondimenti.  All’interno della pagina InfonewsCATA saranno proposti anche seminari, eventi e molto altro ancora. Visita periodicamente la pagina "Infonews CATA" e sarai sempre aggiornato.

GREEN PASS NEI LUOGHI DI LAVORO: LE MISURE DAL 15 OTTOBRE 2021

GREEN PASS NEI LUOGHI DI LAVORO: LE MISURE DAL 15 OTTOBRE 2021

seminario greenpass 2

 CHI SONO I SOGGETTI COINVOLTI?

Dal 15 ottobre 2021 fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, a CHIUNQUE SVOLGE UNA ATTIVITÀ LAVORATIVA NEL SETTORE PUBBLICO e PRIVATO è fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19. NESSUNO E' ESCLUSO.

Cerchiamo di fare ordine.

 

 

GLI ADEMPIMENTI

Di seguito elenchiamo e spieghiamo brevemente i principali adempimenti da seguire a partire dal 15 ottobre 2021. Ad ogni adempimento rendiamo disponibile un fac-simile scaricabile in formato word.

     SCARICARE LA APP «Verifica C19» in base alla tipologia di telefono su: app

 

 

 

  1. INFORMATIVA AI LAVORATORI con gli obblighi, le sanzioni, i casi di "assenza ingiustificata" e le modalità di verifica. 

  2. INFORMATIVA AL PERSONALE ESTERNO con le modalità di accesso, gli obblighi, le sanzioni e il personale incaricato

  3. MODALITA' OPERATIVE PER L'ORGANIZZAZIONE DELLE VERIFICHE con le modalità organizzative, le conseguenze in caso di mancata presenza del green pass e i riscontri delle verifiche

  4. NOMINA INCARICATO AI CONTROLLI per incaricare (NON DELEGARE) un soggetto a effettuare le verifiche dei green pass

  5. COMUNICAZIONE ASSENZA INGIUSTIFICATA del lavoratore qualora dopo la verifica del green pass, per diversi motivi, esso non risulti valido

  6. INFORMATIVA PRIVACY da esporre senza necessità di consenso

  7. INFORMATIVA GENERALE DA ESPORRE ad esempio sulle bacheche aziendali, in reception o sui siti web delle imprese

Per ulteriori chiarimenti, il C.A.T.A. rimane a vostra disposizione.

 

 

 

Leggi tutto

SEMINARIO GREEN PASS

 Spettabili Imprese,

seminario green pass

al fine di dare alcuni chiarimenti in merito alle novità introdotte dal decreto che estende l'obbligo a tutti i lavoratori di dotarsi di Green pass abbiamo il piacere di invitarvi al Convegno di martedì 28 settembre alle ore 16:00, a Sedico presso il Centro Consorzi.

Infatti a fronte di molte richieste di chiarimenti da parte dei datori di lavoro riguardanti i vari dubbi sulla tematica, desideriamo darvi alcune risposte al fine di aiutarvi nella gestione dell’applicazione di questo nuovo scenario.

 L'incontro prevede le presentazioni dalle ore 16:00 alle ore 18:00, a seguire un buffet e successivamente i relatori rimarranno a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

Per maggiori informazioni e per iscriversi potete cliccare sul seguente link:

https://www.centroconsorzi.it/conferenza-la-gestione-dellemergenza-sanitaria-ed-il-futuro-delle-pmi/

Leggi tutto

DECRETO GREEN PASS

DECRETO GREEN PASS

Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori

download

Il Green pass diventa obbligatorio per tutti i lavoratori, del pubblico e del privato, ma anche per colf, baby sitter e badanti. Certificato verde esteso anche alle partita Iva e a chi presta un servizio, come l'elettricista o l'idraulico. A tutti questi lavoratori non sarà più soltanto richiesto di indossare la mascherina, ma a partire dal 15 ottobre dovranno mostrare il Green pass. Chi sceglierà il vaccino per ottenere la certificazione verde, quindi, ha tempo fino a fine settembre per far valere il pass che diventa valido solo 15 giorni dopo la prima dose.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DECRETO PUBBLICATO IN GAZZETTA IL 21/09/2021

Leggi tutto

SCADENZE AUTORIZZAZIONI TRASPORTO RIFIUTI

SCADENZE AUTORIZZAZIONI TRASPORTO RIFIUTI

Proroga dello stato di emergenza

Con il decreto-legge 23 luglio 2021 n.105 lo stato di emergenza è stato nuovamente prorogato al 31 dicembre 2021. Ne consegue che le iscrizioni in scadenza nell'arco temporale compreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021 conservano la loro validità fino al 31 marzo 2022.

Scadenze e rinnovi delle iscrizioni

Ricordiamo alle spettabili imprese che molte iscrizioni all’Albo nazionale gestori ambientali sono in scadenza tra settembre 2021 e marzo 2022, iscrizioni necessarie per il trasporto dei rifiuti. Per continuare a operare occorre presentare domanda telematica di rinnovo tramite il portale telematico accessibile dall’area riservata sul sito dell'Albo. Consigliamo di verificare i dati della propria iscrizione (targhe veicoli, codici rifiuti autorizzati, eccetera) e di inviare la domanda di rinnovo quanto prima. Ricordiamo infatti che se l’autorizzazione di rinnovo non viene rilasciata entro il termine di iscrizione le attività oggetto dell'iscrizione stessa non possono essere svolte tra la data di scadenza e quella di rinnovo.

Il C.A.T.A. rimane a completa disposizione per eventuali informazioni, consulenza e invio pratiche.

Eleonora Salvadego

0437 851367

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

GREEN PASS: INDICAZIONI E CHIARIMENTI

GREEN PASS: INDICAZIONI E CHIARIMENTI

Ormai anche in Italia il green pass diventa obbligatorio a tutti gli effetti, dal 6 agosto, con un decreto approvato il 22 luglio e in gazzetta ufficiale il 23 luglio (DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105). Il nuovo decreto impone il green passa chi ha completato il ciclo vaccinale (con due dosi), oppure con almeno una dose, essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi, essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore, per varie attività.

 cartello it en page 0001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IN QUALI ATTIVITA’

Il decreto legge 105/2021 cita, tra gli altri, i “servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio”, comprendendo la generalità dei pubblici esercizi come: ristoranti, bar, pizzerie, locali serali, pub, gelaterie, pasticcerie, ma anche agriturismi, circoli privati e, in assenza di deroghe specifiche, anche mense, autogrill, ecc. In generale, qualsiasi attività che effettui somministrazione e preveda il consumo di alimenti all’interno dei locali (non all’esterno) seduti al tavolo (non al bancone).
  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso (i clienti della struttura possono andare al bar e al ristorante al chiuso senza pass)
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • Sagre e fiere, convegni e congressi;
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
  • Concorsi pubblici

 COS’E' E COME SI VERIFICA IL GREEN PASS

Il green pass è costituito da un QR Code, che può essere stampato su carta o visualizzato sullo schermo di uno smartphone o di un tablet ed esibito nei casi necessari.
L’unico strumento di verifica del certificato è la app Verifica C19 e si legge inquadrando il QR-Code con la fotocamera del proprio smartphone dopo aver attivato l’apposita applicazione “VerificaC19”. Una volta inquadrato o fotografato il QR-Code, sullo schermo comparirà l’esito della certificazione: valida oppure non valida.
  • Nel caso di certificazione VALIDA, oltre all’esito positivo, sullo schermo compariranno anche nome e cognome e data di nascita dell’intestatario della certificazione. Qualora non sia persona di identità già nota e conosciuta in quanto, ad esempio, cliente abituale, accertarsi dell’identità dell’intestatario della Certificazione Verde “Green Pass” richiedendo l’esibizione di un documento di identità in corso di validità (carta d’identità, patente, passaporto). Una volta verificata l’identità della persona, la stessa può accedere e accomodarsi all’interno dell’esercizio.
  • Nel caso di certificazione NON VALIDA, il motivo della non validità non viene indicato: potrebbe trattarsi di una certificazione alterata, scaduta, oppure il tutto potrebbe limitarsi ad un problema tecnico/informatico. In questo caso, attendere e riprovare.

LO STRUMENTO DI VERIFICA, L' APP “VERIFICAC19”

L’app “VerificaC19” è gratuita e può essere scaricata da
Playstore (per sistemi Android, richiesta versione 8 o superiore)
Appstore (per sistemi iOS, richiesta versione 12.1 o superiore).
L’applicazione, una volta installata, funziona anche in assenza di collegamento Internet.
Attenzione: nel caso in cui il telefono adibito alla lettura delle certificazioni fornisca continui esiti di invalidità o malfunzionamenti, si suggerisce di disinstallare e reinstallare l’applicazione.

 CHI PUO’ E DEVE VERIFICARE LE CERTIFICAZIONI

Sono tenuti al controllo del green pass oltre i pubblici ufficiali, il personale addetto ai servizi di controllo, i titolari dei pubblici esercizi, quando l’accesso prevede l’obbligo del possesso da parte dei clienti (in pratica, quando è previsto il consumo seduti al tavolo e al chiuso).
Allo stesso modo, è previsto l’obbligo di green pass per la partecipazione a:
  • feste per cerimonie,
  • spettacoli, eventi sportivi,
  • musei,
  • sagre e fiere,
  • convegni e congressi,
  • sale gioco
  • e altro ancora.
In tal caso, la verifica spetta ai titolari delle attività o ai proprietari dei luoghi/locali presso i quali si svolgono le attività. Attenzione: la dicitura “sale gioco” va intesa in senso ampio, per cui ricomprende anche le aree gioco all’interno dei pubblici esercizi.

 LA DELEGA A TERZI PER LA VERIFICA

Il titolare dell’esercizio, proprietario o possessore del locale o dell’area dove si svolge l’evento, può delegare a terzi l’attività di verifica. Tale delega deve essere conferita con atto formale, sottoscritto da entrambi (delegante e delegato) che contenga anche le istruzioni per lo svolgimento dell’attività. A tal fine, mettiamo a disposizione un apposito fac-simile del modulo da scaricare. La delega va conservata all’interno dell’esercizio, a disposizione delle autorità in caso di eventuali controlli.

 SOGGETTI ESENTI

Non sono soggetti ad obbligo di possedere e mostrare il green pass i minori di 12 anni e le persone esentate per motivi di salute (che devono fornire relativo certificato medico).

PROBLEMI DI PRIVACY

La verifica del green pass e del documento d’identità del cliente sono semplici visualizzazioni e, pertanto, non considerabili “trattamento dei dati” ai fini della normativa sulla privacy. Il cliente, pertanto, non può giustificare la mancata esibizione del green pass e/o del documento appellandosi a tale normativa. Rimane vietato fotocopiare, fotografare, trascrivere o registrare in qualsiasi modo i documenti e le informazioni visualizzati. In ogni caso il titolare del trattamento è il Ministero della Salute, in persona del ministro pro tempore, ed è presso di lui che pertanto andranno indirizzati eventuali reclami ed esercitati i propri diritti previsti dal GDPR in materia di trattamento dei dati.

 ACCESSO AI LOCALI PER MOTIVI DIVERSI DAL CONSUMO

Per il cliente seduto all’esterno e che, pertanto, non è soggetto all’obbligo di green pass, non sussistono impedimenti al fatto di poter accedere ai locali interni dell’esercizio per pagare il conto alla cassa, per utilizzare i servizi igienici o per altri motivi: l’obbligo di green pass è previsto esclusivamente “per il consumo al tavolo” e, pertanto, per qualsiasi altro motivo è possibile entrare nei locali anche senza certificato, ovviamente con mascherina e igienizzando le mani.

 COSA SUCCEDE SE SI E’ SPROVVISTI DI GREEN PASS

In caso di violazione, ossia di consumo e/o servizio al tavolo all’interno senza essere in possesso di green pass oppure senza verifica, è prevista una sanzione pecuniaria da 400 a 1.000 euro, sia a carico dell’esercente sia del cliente. Qualora la violazione venga reiterata per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio può essere chiuso da 1 a 10 giorni.

CARTELLO INFORMATIVO E DELEGA

Il CATA mette a disposizione un cartello informativo da esporre all’ingresso dell’esercizio, in modo visibile, per informare i clienti delle modalità di accesso previste dalla normativa vigente. L’affissione non è obbligatoria, ma consigliata, anche per agevolare le operazioni di verifica da parte del personale, inoltre il personale adibito al controllo green pass dovrà essere delegato utilizzando l’apposito fac simile.

 ALTRE MISURE

 Eventi sportivi: per gli eventi all’aperto, è possibile prevedere assegnazione dei posti alternative al distanziamento; per gli eventi al chiuso il limite di capienza è innalzato al 35%.
  • Tamponi a prezzo calmierato, per adesso fino al 30 settembre: al costo di 8 euro tra 12 e 18 anni, 15 euro per tutti gli altri.
  • Quarantena: ridotta a 7 giorni per i vaccinati, resta a 10 giorni per le altre persone che vengono a contatto con positivi al Covid.  
  • Alberghi: i clienti della struttura possono andare al bar e al ristorante al chiuso senza pass (ma serve per entrare in spa, palestre o piscine interne

 SCARICA IL CARTELLO

SCARICA IL FAC-SIMILE DI DELEGA

SCARICA MANUALE PER LA VERIFICA GREEN PASS

Leggi tutto

EMISSIONI IN ATMOSFERA: LA SCADENZA DEL 28 AGOSTO 2021

LA SCADENZA DEL 28 AGOSTO 2021

I gestori di impianti da cui si generano emissioni in possesso dell’ Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) o autorizzazione ordinaria con alcune tipologie di sostanze sono interessati alla scadenza del prossimo 28 agosto 2021 per la trasmissione della relativa valutazione alla Provincia.

Per ulteriori informazioni scarica l’allegato.

Il C.A.T.A. rimane a disposizione per ogni chiarimento e per la predisposizione delle pratiche.

Sandro Stragà 0437 851362

Diego Da Canal 0437 851360

Leggi tutto

IL NUOVO PROTOCOLLO ANTI-CONTAGIO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Aggiornamento del Protocollo sicurezza Covid-19

Il protocollo anticontagio è stato aggiornato: vi sono alcune semplificazioni sulle regole su mascherine, trasferte e ritorno al lavoro dopo la positività. In particolare, i lavoratori ancora positivi dopo 21 giorni saranno riammessi al lavoro solo dopo la negativizzazione del tampone molecolare o antigenico effettuato in struttura accreditata o autorizzata dal servizio sanitario.

E' stato inoltre confermato il principio che il virus rappresenta un rischio biologico generico, per il quale occorre adottare misure uguali per tutta la popolazione e quindi e' stato escluso l'aggiornamento del DVR.

clicca qui per scaricare il nuovo Protocollo anticontagio

Il CATA è a vostra disposizione per eventuali informazioni e per l'aggiornamento del vostro Protocollo.

aggiornamento protocollo

 

 

Leggi tutto

LA POLIZZA DI TUTELA LEGALE DEL CATA

Anche quest'anno il C.A.T.A. ha stipulato la POLIZZA DI TUTELA LEGALE per i propri Clienti.

 

cata polizzaLa polizza copre le spese del legale di fiducia per ogni grado di giudizio per la difesa in sede penale per reati colposi in materia ambientale (D.lgs. 152/06), per reati in materia di sicurezza sul lavoro (D.lgs. 81/08), opposizione a provvedimenti amministrativi.

Il massimale garantito ammonta a Euro 15.000,00 per singolo evento senza alcuna franchigia. Il contributo richiesto ad ogni assicurato è pari a Euro 60,00 + IVA e garantirà una copertura annua con scadenza 11/04/2022.

In allegato trovate le modalità per aderire alla vantaggiosa proposta.

Per ulteriori informazioni: Diego Da Canal 0437 851360 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

Nuovo DPCM 2 marzo 2021

Nuovo DPCM 2 marzo 2021

Il DPCM sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile 2021

Il nuovo DPCM onferma, fino al 27 marzo, il divieto già in vigore di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, con l'eccezione degli spostamenti dovuti a motivi di lavoro, salute o necessità. Si confermano fino al 27 marzo, In breve sintesi, le misure adottate e confermate, così come indicato nel Comunicato stampa del Governo.

Zone Bianche

Nelle zone bianche, si prevede la cessazione delle misure restrittive previste per la zona gialla, pur continuando ad applicarsi le misure anti-contagio generali (come, per esempio, l'obbligo di indossare la mascherina e quello di mantenere le distanze interpersonali) e i protocolli di settore. Restano sospesi gli eventi che comportano assembramenti (fiere, congressi, discoteche e pubblico negli stadi).

Si istituisce inoltre un "tavolo permanente" presso il Ministero della salute, con i rappresentanti delle regioni interessate, del Comitato tecnico-scientifico e dell'Istituto superiore di sanità, per monitorare gli effetti dell'allentamento delle misure e verificare la necessità di adottarne eventualmente ulteriori.

Zone rosse

Scuola. Dal 6 marzo, si prevede nelle zone rosse la sospensione dell'attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell'infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Zone arancioni e gialle

Scuola. I Presidenti delle regioni potranno disporre la sospensione dell'attività scolastica: nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti; nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell'arco di 7 giorni; nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Musei, Teatri, Cinema e Impianti Sportivi

Nelle zone gialle si conferma la possibilità per i musei di aprire nei giorni infrasettimanali, garantendo un afflusso controllato. Dal 27 marzo, sempre nelle zone gialle, è prevista l'apertura anche il sabato e nei giorni festivi. Dal 27 marzo, nelle zone gialle si prevede la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all'aperto e 200 al chiuso per ogni sala. Restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici.

Attività Commerciali

In tutte le zone è stato eliminato il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto.

Servizi alla persone

Nelle sole zone rosse, saranno chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Spostamenti da e per l'estero

Si amplia il novero dei Paesi interessati della sperimentazione dei voli cosiddetti "COVID tested". Per maggiorni indicazioni consigliamo di visitare il sito: www.viaggiaresicuri.it/

Tavolo di confronto con le regioni

E' istituito un tavolo di confronto presso il Ministero della salute, con componenti in rappresentanza dell'Istituto superiore di sanità, delle regioni e delle province autonome, del Ministro per gli affari regionali e le autonomie e del Comitato tecnico-scientifico, con il compito di procedere all'eventuale revisione o aggiornamento dei parametri per la valutazione del rischio epidemiologico, in considerazione anche delle nuove varianti.

Per info visita il sito del Governo

 

Leggi tutto

ACCESSO AI SERVIZI INAIL CON IDENTITA' DIGITALE

Piano di progressiva transizione per l'accesso ai servizi online

Dal 28 febbraio 2021 non sono più rilasciate nuove credenziali Inail e dal 1° marzo 2021 le Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato devono accedere ai servizi online solo con le identità digitali Spid, Cie e Cns. Per i soggetti già registrati e non appartenenti alle categorie per le quali è già stato previsto l'obbligo di accesso esclusivo tramite Spid, Cie e Cns, restano valide le credenziali precedentemente rilasciate fino a nuova data stabilita da Inail e comunque non oltre il termine del 30 settembre 2021.

Inoltre, dal 1° marzo 2021 gli utenti registrati nel profilo Amministrazioni statali in gestione per conto dello Stato, sia che richiedano per la prima volta l'abilitazione sia che siano già in possesso di credenziali Inail, non possono più operare con le credenziali già rilasciate ma devono accedere ai servizi online tramite Spid, Cie e Cns.

Per info sull'identità SPID 

Leggi tutto

REGISTRI DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI E AD AGENTI BIOLOGICI

REGISTRI DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI E AD AGENTI BIOLOGICI

Dal 10 febbraio 2021 le comunicazioni relative ai registri di esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni e ad agenti biologici devono essere trasmesse esclusivamente con il servizio online "Registro esposizione", a disposizione di tutti i datori di lavoro sul sito dell'Inail.

Per info Visita il sito dell'Inail

Leggi tutto

INAIL: BANDO ISI 2020

INAIL: BANDO ISI 2020

1 Giugno 2021: Apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda.

Finalità
Il presente Avviso ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti.

Destinatari dei finanziamenti
L’iniziativa è rivolta a tutte le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura e gli Enti del terzo settore, ad esclusione delle micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Per info Visita il sito dell'Inail

Leggi tutto

MUD 2021 : PROROGATA LA SCADENZA AL 16 GIUGNO 2021

MUD 2021 : PROROGATA LA SCADENZA AL 16 GIUGNO 2021

La Dichiarazione “MUD”

E’ ormai dal 1989 che il CATA in questo periodo assiste le aziende nella presentazione del FAMOSO MUD.

Anche quest’anno sono intervenute alcune importanti modifiche per cui vogliamo fare un po’ di chiarezza.

Il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (MUD) è una comunicazione che enti ed imprese presentano annualmente, nella quale vengono dichiarate le quantità e le tipologie di rifiuti gestite nel corso dell’anno precedente. Il MUD si articola in sei Comunicazioni che identificano le tipologie di rifiuti per cui è necessario presentare il modello.

LA NUOVA SCADENZA

La scadenza del MUD 2021 (riferito ai dati 2020) è fissata al 16 giugno 2021 e, con il DPCM del 23 dicembre 2020, sono state introdotte delle modifiche alla sua compilazione. 

MUD 2021Chi deve presentare il MUD

Di seguito riportiamo le imprese e gli enti che devono provvedere agli specifici tipi di comunicazioni elencati.

1. Comunicazione Rifiuti

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto dei rifiuti;
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
  • Tutte le imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
  • Imprese ed enti che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi;
  • I Consorzi e i sistemi riconosciuti, istituiti per il recupero e riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, ad esclusione dei Consorzi e sistemi istituiti per il recupero e riciclaggio dei rifiuti di imballaggio che sono tenuti alla compilazione della Comunicazione Imballaggi;
  • I gestori del servizio pubblico di raccolta.

2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso

  • Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

3. Comunicazione Imballaggi

  • Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti;
  • Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazione di gestione di rifiuti di imballaggio.

4. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati E Raccolti In Convenzione

  • Soggetti responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati (Comune o soggetti da questo delegati).

5. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

  • Soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.lgs. 49/2014 (ad esempio i centri di raccolta).

6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Come si presenta il MUD

Le seguenti Comunicazioni devono essere presentate mediante l’utilizzo di apposito software messo a disposizione esclusivamente tramite il sito MUD Telematico:

  • Comunicazione Rifiuti;
  • Comunicazione Veicoli fuori uso;
  • Comunicazione Imballaggi, sia Sezione Consorzi che Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio;
  • Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Nota bene

Ricordiamo che dev’essere presentato un MUD per ogni unità locale a prescindere dal numero di Comunicazioni. Per unità locale si intende la sede presso la quale il dichiarante ha detenuto i rifiuti oggetto della dichiarazione, in relazione alle attività ivi svolte (produzione, deposito preliminare, messa in riserva, recupero/smaltimento, deposito definitivo). L’unità locale coincide con la sede legale nei casi di soggetti che svolgono attività di solo trasporto o attività di intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione.

Modifiche o integrazioni

Segnaliamo che eventuali modifiche o integrazioni possono essere comunicate unicamente attraverso la presentazione di un nuovo MUD completo dei dati già dichiarati, da inviare con le medesime modalità utilizzate per la prima comunicazione. La presentazione della nuova dichiarazione è sottoposta al nuovo pagamento dei diritti di segreteria e, nel caso sia presentata oltre il termine di scadenza, alle sanzioni previste dalla normativa vigente.

Sanzioni

Il soggetto che non effettua la comunicazione ovvero la effettua in modo incompleto o inesatto è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 10.000 euro (sanzione ribassata con il D.Lgs. 116/2020).

Se la comunicazione è effettuata in ritardo ma entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 26 euro a 160 euro.

Assistenza C.A.T.A.

Ricordiamo a tutte le imprese interessate che l’Ufficio Ambiente del C.A.T.A. Consorzio Artigiano Tutela Ambiente è a disposizione per ogni chiarimento e per il supporto necessario ad una corretta predisposizione della pratica.

Per ogni informazione non esitate a contattarci al numero 0437 851367 oppure per mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Leggi tutto

MUD 2021

SCADE IL 30 APRILE 2021 IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DEL MUD 

 CHI DEVE PRESENTARE IL MUD ENTRO IL 30 APRILE 2021? MUD 2021 rifiuti 

  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
  • Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi 
  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti. 

Il C.A.T.A. - Consorzio Artigiano Tutela Ambiente anche quest’anno è disponibile per supportarvi nel servizio di predisposizione e inoltro della vostra Dichiarazione annuale dei rifiuti (MUD 2021) con competenza, precisione e prezzi vantaggiosi, in particolar modo per le imprese aderenti a Rete Imprese Dolomiti o quelle che usufruiscono della Convezione Secur8.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattare l’Ufficio Ambiente al 0437 851367 o mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Leggi tutto

IL DECRETO NATALE

Decreto Natale: Italia in zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni prefestivi e festivi e in zona arancione nei giorni lavorativi

Tutta Italia in zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni prefestivi e festivi, e in zona arancione nei giorni lavorativi. Questa la strada scelta del governo e annunciata dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella tarda serata di venerdì 18 dicembre, dopo che il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al cosiddetto Decreto Natale (decreto legge, non Dpcm) contenente le restrizioni anti-covid per le festività natalizie, di fine anno e fino all'Epifania. Si ricorda, inoltre, che da sabato 19 dicembre entra in vigore l'Ordinanza del Presidente della Regione Veneto n. 169, la quale, fino al 6 gennaio 2021, dopo le ore 14 non ammette lo spostamento in un Comune diverso da quello di residenza o dimora, salvo che per comprovate esigenze lavorative, per studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, o per svolgere attività non sospese o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.

Riassumiamo i punti salienti del Decreto Natale, n. 172 del 18/12/2020, del quale riportiamo anche le slide predisposte dal Consiglio dei Ministri "SLIDE DECRETO NATALE" .

L'Italia, dal 24 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 vedrà una nuova rigorosa stretta: nei giorni prefestivi e festivi tutte le Regioni saranno zona rossa, mentre nei giorni feriali tutte le Regioni saranno zona arancione. Le misure generali dal 21 dicembre al 6 gennaio:

- Vietato ogni spostamento tra Regioni, da e verso altre Province Autonome.

- Vietati gli spostamenti verso le seconde case fuori dalla propria Regione (salvo ulteriori restrizioni per i giorni in zona arancione e in zona rossa).

Italia zona rossa Nei giorni: 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020 e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021. Le regole:

- Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, situazioni di necessità e salute.

- E' possibile ricevere nella propria abitazione sino a due persone non conviventi (parenti o amici) dalle ore 5 alle ore 22, che potranno portate con sé anche i figli minori di 14 anni. Sono inoltre escluse dal computo delle due persone non conviventi in visita, anche i soggetti con disabilità e le persone conviventi non autosufficienti.

- E' consentita l'attività motoria nei pressi della propria abitazione e l'attività sportiva all'aperto in forma individuale.

- Sono chiusi i bar, i ristoranti ed anche i negozi, tranne quelli definiti necessari, ma chiuderanno anche i centri estetici.

- Consentita la ristorazione d'asporto fino alle ore 22 ed il servizio a domicilio.

- Sono aperti: Supermercati, beni alimentari e prima necessità, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.

- Le chiese e i luoghi di culto saranno aperti fino alle ore 22.

Italia zona arancione Nei giorni: 28, 29 e 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021. Le regole:

- Ci si potrà spostare solo all'interno del proprio Comune di abitazione e residenza senza dover giustificare il motivo.

- Dai piccoli Comuni (con popolazione inferiore ai 5 mila abitanti) ci si potrà spostare, nei giorni con l'Italia in zona arancione, anche in altri comuni entro però un raggio di 30 chilometri al massimo. Non sarà comunque possibile raggiungere i capoluoghi di provincia.

- I bar e i ristoranti saranno chiusi anche nei giorni in cui l'Italia sarà zona arancione. Resta consentito il servizio d'asporto fino alle ore 22 e il servizio a domicilio senza restrizioni.

- I negozi saranno aperti fino alle ore 21. Sostegno a bar e ristoranti: in arrivo un fondo da oltre 600 milioni di euro per sostenere bar, ristoranti e attività costretti a chiudere durante le festività per effetto delle restrizioni del nuovo decreto. Si tratta di nuovi contributi a fondo perduto da erogare subito agli esercenti danneggiati dal lockdown natalizio. I nuovi aiuti economici verranno erogati direttamente con meccanismi veloci. In particolare, viene disposto un immediato ristoro per ristoranti e bar che dal 24 dicembre al 6 gennaio siano costretti alla chiusura. Il ristoro sarà del 100% sulla base di quanto ricevuto con il Decreto Rilancio.

SEGNALIAMO IL LINK DEL GOVERNO DOVE VENGONO DATE LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU' FREQUENTI

Leggi tutto

LE MISURE VALIDE DEL DPCM 3 NOVEMBRE 2020

ZONA ARANCIONE 

Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

E consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Il transito sui territori è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti;

è vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative;

sospese le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, e fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

ZONA ROSSA

è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori, nonché all'interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute;

Il transito sui territori è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del presente decreto;

sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell'allegato 23;

sono sospese le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), resta consentita la consegna a domicilio e fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell'allegato 24. Acconciatori sono esclusi dalle restrizioni previste dal decreto. Nella versione definitiva del Dpcm tra i servizi alla persona esclusi dalla chiusura nelle zone rosse compare esplicitamente la categoria dei parrucchieri e dei barbieri, ma non quella degli estetisti. Dunque, a differenza della notizia data per certa fino all'ultimo, gli estetisti nelle Regioni a massima gravità, cioè Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta, sono costretti a chiudere per almeno 2 settimane. Il Dpcm entra in vigore con un giorno di ritardo, e cioè venerdì 6 novembre.

Clicca qui per scaricare il testo completo in pdf.

nuovo dpcm 4 nov 2020

Leggi tutto

DPCM 3 NOVEMBRE 2020: LA NUOVA AUTOCERTIFICAZIONE

modello autodichiarazione editabile ottobre 2020

 

Su tutto il territorio nazionale dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Per muoversi in questa fascia oraria è necessario fornire alle forze dell'ordine un modulo di autocertificazione.

L'autocertificazione è collegata ai divieti, se c'è un divieto per quanto riguarda gli spostamenti va motivato con il modulo aggiornato.

Clicca qui per scaricare il modulo.

 

Leggi tutto

L’attestazione SOA per la qualificazione all’esecuzione di lavori pubblici

L’attestazione SOA per la qualificazione all’esecuzione di lavori pubblici

I principali requisiti necessari per ottenere l’attestazione SOA per la qualificazione all’esecuzione di lavori pubblici

logo soa

Sintesi dei principali requisiti

Sono i requisiti previsti dagli articoli 38, c. 1, e 39, c. 1 e 2, del  D.Lgs. 50/2016 (Codice dei Contratti Pubblici).

 Il rilascio dell’attestato SOA ha una durata di 5 anni, con verifica di mantenimento dei requisiti al 3° anno

Requisiti di ordine generale

  • Iscrizione al Registro delle Imprese e assenza di procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo, ecc.).
  • Regolarità e assenza di gravi violazioni nello svolgimento delle attività d’impresa (assenza di errori gravi nell’esecuzione di lavori pubblici, di irregolarità fiscali, di false dichiarazioni, di gravi infrazioni in materia di sicurezza, assenza di sanzioni interdittive, ecc.).
  • Non aver prodotto false dichiarazioni con dolo o colpa grave.
  • Regolarità ai fini della norma che disciplina il diritto al lavoro dei disabili.
  • Regolarità del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva).
  • Assenza di condanne e provvedimenti ostative.

 

Requisiti di ordine speciale

 Capacità economica, attrezzature e personale

  • Idonee referenze bancarie.
  • Cifra d’affari in lavori pari al 100% degli importi delle classifiche richieste nelle varie categorie.
  • Patrimonio netto di valore positivo riferito all’ultimo bilancio depositato solo per i soggetti tenuti alla redazione del bilancio.
  • Idonea attrezzatura tecnica non inferiore al 2% della cifra d’affari in lavori (attrezzatura in proprietà, in leasing o in noleggio).
  • L’ammontare dell’attrezzatura a nolo non può superare il 60% del valore totale.
  • Idoneo organico medio annuo dimostrato dal costo complessivo sostenuto per il personale dipendente non inferiore al 15% della cifra d’affari in lavori, di cui il 40% per il personale operaio; in alternativa il costo del personale assunto a tempo indeterminato non inferiore al 10% della cifra d’affari in lavori, di cui l’80% riferito a personale tecnico laureato o diplomato.
  • In caso di società di persone o imprese individuali è possibile usufruire della “retribuzione convenzionale INAIL”.

Capacità tecnica e direttore tecnico

  • Idonea direzione tecnica.
  • Esecuzioni di lavori nelle singole categorie richieste di importo non inferiore al 90% di quello della classifica richiesta.
  • Lavori di punta: esecuzione di un lavoro o, in alternativa, di due lavori o, in alternativa, di tre lavori in ogni categoria richiesta di importo rispettivamente pari al 40% (1 lavoro), al 55% (2 lavori), al 65% (3 lavori) di quello della classifica richiesta.
  • Requisiti specifici per alcune categorie (esempio: OG2,OS2,OS25, OG11…)

Certificazione Qualità

  • Per ottenere la qualificazione nelle classifiche pari o superiori alla III le imprese devono possedere la certificazione del sistema di qualità aziendale.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare il sig. Diego Da Canal  0437 851360 oppure vistare il sito  della SOA CQOP.

 

 

 

Leggi tutto

LA GESTIONE DEI RIFIUTI: LE PRINCIPALI NOVITA'

LA GESTIONE DEI RIFIUTI: LE PRINCIPALI NOVITA'

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale tre decreti legislativi relativi al recepimento dell’intero pacchetto di direttive sull’economia circolare; si segnala in particolare il DECRETO LEGISLATIVO 3 settembre 2020, n. 116, che recepisce la Direttiva Europea sui rifiuti e sugli imballaggi.

Di seguito sintetizziamo le principali novità contenute nel D.Lgs.116/2020 - che modifica la Parte Quarta del Codice Ambientale - che riteniamo di maggior interesse per le imprese:

  • La riscrittura delle norme sul controllo della tracciabilità dei rifiuti che prevede l’emanazione di  “uno o più” decreti attuativi per il nuovo Registro elettronico nazionale,  per l’interoperabilità del nuovo sistema con i sistemi gestionali esistenti, per la sostenibilità dei costi per le imprese, con gradualità di applicazione e periodo di sperimentazione e in modo da dettare le condizioni per lo sviluppo della nuova piattaforma di tracciabilità dei rifiuti, soprattutto per evitare gli errori già commessi nel periodo SISTRI.

  • Dal 26 settembre le imprese che non hanno più di 10 dipendenti risultano esonerate dall’obbligo di tenuta dei Registri di carico e scarico  per i soli rifiuti non pericolosi. “5. Sono esonerati dall’obbligo di cui al comma 1 gli  imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, con un volume di affari annuo non superiore a euro ottomila, le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi,  di  cui  all’articolo 212, comma 8, nonché’, per i soli rifiuti non pericolosi, le  imprese e gli enti produttori iniziali che non hanno  più di  dieci dipendenti".

  • Rifiuti da manutenzione (piccole imprese edili / imprese di pulizia possono utilizzare il DDT in alternativa al formulario di identificazione)

     “19.. Nel caso di quantitativi limitati che non giustificano l’allestimento di un deposito dove è svolta l’attività, il trasporto dal luogo di effettiva produzione alla sede, in alternativa al formulario di identificazione, è accompagnato dal documento di trasporto (DDT) attestante il luogo di effettiva produzione, tipologia e quantità dei materiali, indicando il numero di colli o una stima del peso o volume e il luogo di destinazione".
Il testo è in vigore dal 26 settembre e contiene numerose altre disposizioni in materia di responsabilità estesa del produttore, imballaggi e rifiuti di imballaggi, consorzi di filiera; a pochi giorni dalla pubblicazione, ci sono ancora diverse parti da chiarire e definire (es. cosa si intende per “piccoli interventi edili” o “quantitativi limitati di rifiuti”).
Sarà ns. cura aggiornare tutte le imprese interessate in occasione di novità o di chiarimenti che verranno pubblicati nel prossimo periodo.
Per informazioni tel. 0437 851360 - 0437 851367 oppure mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Leggi tutto

POLIZZA TUTELA LEGALE AMBIENTE E SICUREZZA

Anche per quest’anno il Consorzio Artigiano per la Tutela dell’Ambiente C.A.T.A. offre la possibilità di aderire alla polizza “Assicurazione Tutela Legale” in materia di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro e di tutela dell’Ambiente.

  1. Clicca qui per le istruzioni per aderire alla polizza
  2. Clicca qui per consultare la sintesi delle condizioni previste

Per informazioni: tel. 0437 851360 o mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto

 

C.A.T.A. è un consorzio di:   logo centroconsorzi

nel territorio, per il territorio, con il territorio   reti imprese dolomiti logo

Il sito del CATA, utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.